Filati Noro, il bello della “tradizione”

creating colos noro

Filati noro logo

Come nascono i filati Noro

I filati del maestro Eisaku Noro, sono ciò che di più eclettico e tradizionale che il mercato internazionale mondiale della lana oggi può offrire. E tutto nasce dalla passione.lana noro

Fino alla metà dell’800 non c’erano pecore in Giappone. E’ un dato di fatto che a guardare i lavori di questo maestro della lavorazione della lana sembra impossibile.

Hanno cercato di insegnarci che la tradizione è un modo di esistere eterno, che gli interpreti della tradizione affondano le radici in un passato eterno immutabile e costante ed invece la tradizione, ha la durata di un battito d’ali di una farfalla colorata.

Eisaku Noro, -nome e cognome-, come gli artigiani di Castelli, gli orafi di Arezzo o i confettai di Sulmona, mette la propria  faccia ed il proprio talento in quello che realizza.

Pioniere “tradizionale” della miscelazione delle fibre: lana, seta, cotone, mohair, alpaca, merino; realizza capolavori irrepetibili in cui ogni singolo gomitolo è uguale solo a se stesso!

Una volta tosata, la lana della pecora viene lavata e ridotta in fiocchi: lì avviene la tintura: i fiocchi vengono tinti singolarmente e solo allora si procede alla cardatura e alla miscelatura delle fibre.

Il risultato è nelle mani di chi ha la fortuna di lavorare questi gomitoli o meglio ancora, di indossare un capo realizzato con questi filati.

L’esperienza di realizzare un capo, una sciarpa, una maglia o un semplice collo con questi filati è irripetibile e imparagonabile a qualunque altra esperienza di lavorazione.NORO SILK GARDEN SOCK 84

Una volta lavato, il capo si stabilizza, diviene più lucido e coerente.

Se ami lavorare a maglia è una esperienza che devi regalarti.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un tuo commento!

Filati Noro, il bello della “tradizione” ultima modifica: 2014-01-09T10:12:12+00:00 da Alice Tesser

Related posts:

Have your say

quattordici − 9 =