5 modelli in Cashmere Cardiff

A volte ci si trova in mano qualcosa di così bello che si ha paura di rovinarlo. Penso a quando Leonardo sceglieva un pezzo di marmo i cui intravedeva una possibile scultura, all’ebrezza del primo colpo… così, lavorare un filato che di per sé è già un prezioso pezzo d’arte può lasciarci senza idee, o peggio, col timore di non riuscire a tirarci fuori niente di buono. Così, ho pensato a 5 pezzi facili, a 5 modelli a maglia realizzati da semplici utenti di Ravelry che avevano scelto uno dei filati più preziosi al mondo per regalarsi il piacere del cashmere:

5 modelli col filato Cardiff Cashmere

Che sia una maglia da sogno, un cappello o una piccola coperta… prima o poi bisogna godersi il piacere di lavorare un filato in Cashmere. Per apprezzare appieno il piacere di una delle fibre più preziose al mondo occorrerebbe cardiff cashmere 33 babyconoscere qualcosa in più della fibra stessa.

Il Cashmere è ricavato dal mantello di una capra che vive in una precisa regione

cardigan neonato cashmere

clicca

del mondo e con delle caratteristiche peculiari. Se vuoi saperne di più più cliccare sul grassetto, ma già questo dovrebbe farti pensare al valore di questa fibra: il pelo dell’animale non viene tosato, ma viene pettinato a mano estraendo solo i peli più sottili dal vello dell’animale…

 

5 modelli facili dunque, per non avere più timore di usare questa fibra; e perché chiunque di noi ama lavorare a maglia possa riuscire a realizzare un modello con uno dei filati più belli al mondo.

Io ho scelto come cashmere di punta per il mio negozio quello di uno dei produttori leader al mondo per quanto riguarda i filati da

coperta neonato cashmere

Clicca

aguglieria: l’italianissimo marchio storico Cardiff che realizza i filati in cashmere, a mio avviso, tra i più belli al mondo.

Inoltre la gamma cromatica con cui Cardiff tinge i propri filati è pressoché inesauribile e ti invito a cliccare sul gomitolo per averne conferma (oppure di guardare il video a fine articolo).

I suoi filati sono conosciuti ed amati in tutto il mondo, e non è un caso (purtroppo) che tra i 5 modelli che ho scelto solo uno

modello scialle cashmere

clicca

sia italiano mentre gli altri quattro sono stati realizzati da utenti non italiani, segno che l’amore per questo filato travalica le nostre frontiere nazionali.

I formati che Cardiff propone sono diversi, ma i più amati sono sicuramente il formato classic e small, mentre apprezzatissimo è anche il melange realizzato unendo al cashmere anche la seta col filato Cardiff Silka.

  1. Il primo è un modello è un cardigan da bambino. Ho scelto questo modello per aprire la raccolta perché secondo me, fare un cardigan da neonato con un filato prezioso e morbido come il Cardiff Small, è già un segno d’amore. Realizzato dalla sua IMG_0715-01_medium2autrice lavorando un pattern di Debbie Bliss, la sua copia, a differenza dell’originale ha la grazia ruvida di chi ama il prodotto del proprio ingegno.
  2. Il secondo è sempre un modello che si può immaginare dedicato ad un bambino e questa volta è anche realizzato da una italiano in italiano, fatta per Giovanni, la “Copertina Principesca” è un augurio che giuliachi fa, immagino, ad una persona che ama davvero tanto. Penso anche un’altra cosa riguardo a questa coperta, penso che giulia lavorando questo filato se ne sia davvero innamorata, tanto da conservarne l’etichetta e di metterla sulla coperta!
  3. Il terzo è uno scialle, qui saliamo di livello per quanto riguarda la complessità -certamente- ma anche per quanto riguarda lo stile. Non che i modelli precedenti non siano stilosi, per così dire, ma questo è un modello che in origine nasce da una delle designer che tra il 2015 e il 2016 ha fatto molto parlare di sé. Non dirò chi è l’autrice originale del modello, potrete scoprirlo visitando il
    modello collo cashmere

    clicca

    modello in cashmere realizzato da michi081. Lo scialle in questione deve essere tra le cose più eccitanti ed appaganti da mettersi sulle spalle…

  4. Il quarto modello è forse il più impegnativo, certamente è il più lungo da realizzare e di sicuro quello che una volta indossato ti renderà la vita più rosea! Una maglia ai ferri tutta in cashmere. Per realizzarla ci vogliono tra i 14 e i 19 gomitoli di Cardiff Cashmere Single, non proprio una cosa economica, ma insomma…
  5. Il quinto modello è un immancabile collo, forse il l’accessorio a maglia che amo maggiormente, anzi, senza forse. Questo modello è aggraziato e delicato, in una
    modello cappello cashmere

    clicca

    scelta di colori, nei toni del grigio e del rosa, che esalta la dolcezza e la lucentezza di un filato sopra le righe. Il modello è stato realizzato da Olivia sulla base di un pattern fatto da Prisma Loop.

  6. Ho detto 5, lo so, ma ho un sesto modello almeno che devo riportare, non si può chiudere una raccolta sui modelli in cashmere senza mettere almeno un cappello ai ferri (in realtà dovrei mettere almeno un paio di guanti, ma tant’è..). Un cappello fatto in cashmere, te lo dico per esperienza diretta, è un piacere delizioso. Io ti propongo un modello con delle grosse trecce, per me invece ho fatto un modello semplicissimo, lavorato in circolare, ma tutta maglia rasata. Il modello è stato fatto da PetraMar su un patter realizzato dalla designer Justyna Lorkowska.

Spero di averti suggerito qualche idea per poter realizzare un capo con un filato in cashmere di grande spessore e piacevolezza. Metto un video, una sorta di cartella colori non esaustiva, delle pluricromie con cui Cardiff tinge i propri gomitoli.

———————————————————————————————————————–
Se ti piacciono i video iscriviti al mio canale. footer_icon_youtube Non ti perderai più nessun post! (Phsss… di solito tutte le novità le pubblico prima su YouTube).
————————————————————————-

 

This Article Has 4 Comments
  1. luciaannaotera@alice.it ha detto:

    Ciao Alice, ci sono dei problemi alle recensioni legate alle tue email: quando le invio il sito mi risponde che ci sono problemi di trasmissione,riprovare in un secondo momento. Così da alcuni giorni. Sarà dovuto al fatto che non ho espresso la valutazione massima? E’ possibile una così rigida censura? Spero di no!
    Dato che ci sono, vorrei sapere perchè non mi sono stati riconosciuti i punti che derivano dal mio primo ordine (80!). Grazie per l’attenzione. Lucia Anna

    • Alice Tesser ha detto:

      Ciao per tutte le richieste puoi inviare un email, comunque no non dipende dal numero delle stelline, verifichiamo…. per quanto riguarda i punti ti sei registrata? in quel caso l’accredito è automatico, scrivimi un email con il numero dell’ordine così risolviamo.
      Grazie
      Alice

  2. luciaannaotera@alice.it ha detto:

    Una ultima cosa: se volessi inviarti delle foto dei lavori realizzati con i filati acquistati da te, posso farlo con whatsapp, al tuo numero di cellulare? Oppure c’è un altro modo?
    Attendo notizie. Grazie. Lucia Anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 − 7 =


Teniamoci in contatto

Subito per te il 10% di sconto,
100 Punti Lana in regalo
e un modello originale.