Carrello
pullover ai ferri italiano

Pullover ai ferri Ravello

Probabilmente tra le designer straniere più amate e tradotte (togli pure il probabilmente) Isabell Kraemer è tra le amanti dei lavori a maglia italiane tra le più amate, tradotte e realizzate.

Pullover a maglia Ravello

I suoi modelli a maglia hanno sempre qualcosa di irrisolto, come le grandi composizioni leonardiane, come i bassorilievi etruschi, sembra sempre che ci sia qualcos’altro di importante da vedere che rimane nascosta allo sguardo.blank

maglia ai ferri
Clicca per il modello

Mi avevano colpito talmente tanto i suoi lavori a maglia che ne avevo fatto un lungo articolo in cui cercavo di scoprire i segreti della vena creativa, e a dire la verità penso anche di aver individuato alcune costanti nei suoi lavori che si ripropongono di continuo.

Se hai voglia di approfondire ti metto il link a quell’articolo nell’immagine, prova a leggere e fammi sapere se sei d’accordo con quello che dicevo.

Il modello di pullover Ravello appartiene ad uno dei lavori a maglia che la designer frequenta maggiormente, quello dei pullover ai ferri. Sembra proprio che questo capo abbia un grande appeal nei suoi lavori, e sembra anche chiaro: la struttura è sempre la stessa:

  • La maglia ai ferri è sempre oversize (per lei) modello pullover ai ferri
  • Le molle spariscono sempre, sia ai polsini che alla vita
  • Spesso la maglia scende dritta senza fasciare

Anche il Modello di pullover Ravello non si sottrae a questa logica estetica. La bellezza di questo modello però è amplificata dalla interpretazione che altre Ravelears ne hanno dato, sia giocando con le forme originali (e allora la maglia si stringe, le molle appaiono) o anche semplicemente cambiando il filato originale con cui Kraemer ha realizzato il capo.

In questo, l’uso di filati più morbidi rispetto all’originale ha una ricaduta anche sulla forma. Basta guardare le foto per rendersene conto. Il modello è scaricabile a pagamento da Ravelry.

Dice la Kraemer sul modello di questo pullover ai ferri:

Lavorato dall’alto verso il basso, il pullover ai ferri ravello è tanto semplice quanto appagante grazie al suo scollo a barchetta, un po’ di comfort e strisce ben rifinite. Uno dei vantaggi di questo modello è che puoi usare il filo che hai a portata di mano … ricorda quei bei filati per calzino che hai conservato nella tua scorta per così tanto tempo…

filato kinu
Clicca per il filato

Se hai dei filati avanzati vai alla grende con quelli che ti sono rimasti, soprattutto per la parte dedicata alle strisce, altrimenti il filato che ti consiglio è Ito Kinu. Ideale se intendi usare la maglia in primavera estate e se ami le forme un pò rigide e la consistenza lucente della seta grezza.

Fammi sapere cosa ne pensi, non perdiamoci di vista!

17 comments

  1. Ma Sipila o Sunset in Italiano no???????????

    1. ti assicuro che io sono la prima a dolermene!

  2. Ci sto lavorando con il Selkino ?

  3. Non ho capito perché rispondere in privato

  4. Solo una domanda posso farla? Con quante maglie si inizia?

    1. ciao, il modello puoi acquistarlo da ravelry, io non l’ho fatto

  5. Un bel modello per chi non ha seno.

    1. Io ce l’ho (il seno ?) e me lo sono fatto…

  6. Bellissimo ma i circolari li odio proprio!!!!
    Prima o poi ci provo a farlo coi ferri dritti…adoro le righe e la linearità di questo maglioncino (anche se impazziró poi a fermare e nascondere i fili del cambio colore!!!!) ?

    1. perché dici così? il modello è anche in italiano questa volta!??

    2. Sul modello non c è in italiano, potete mettere il link se è da qualche parte, grazie

    3. Sul modello non c è in italiano, potete mettere il link se è da qualche parte, grazie

    4. Ciao, nella foto dove è scritto clicca per il modello c’è il link a ravelry. Fammi sapere se hai difficoltà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.