Carrello
quattro modelli a maglia essenziali

4 Modelli di maglia ai ferri essenziali

Il titolo dell’articolo è ingannevole, volutamente devo ammettere: perché ad essere essenziali non sono i modelli, almeno non solo; ma lo è soprattutto il filato con cui essi sono fatti.

In momenti in cui sembra sempre più importante essere abbondanti, trovare uno stile semplice ed elegante, anche per un filato, non è facile. La classe è frutto di semplicità e di essenzialità e di tanta ricerca.

Quando la fibra è la migliore sul mercato sia dal punto di vista della fibra vera propria sia per per la cura degli animali da cui proviene che per le condizioni di lavoro della filiera, allora non c’è bisogno di artifici.

Il filato è Cheeky Merino Joy di Rosy Green Wool, se deciderai di stringerlo tra le mani, capirai anche tu perché si chiama Joy.

Coccolati

Cheeky Merino Joy

100% merino tinto a mano

blank

Essenziale e semplice, sono concetti difficili da comprendere, per esempio io ho capito De André che ero molto grande, quello che non capivo era come canzoni come Marinella, Canzone di Piero potessero appassionare. Io all’epoca ero tutta presa da cose complicate, amavo la prosa barocca, ridondante.

Poi ho scoperto la poesia di Ungaretti, e ho capito che togliere è più difficile che mettere. Quando hai tolto tutto rimane l’essenziale, quello è difficile, perché una volta che arrivi all’essenziale, lì cominciano ad accedere le cose importanti.

Chiedo scusa se faccio fatica a spiegarmi, e capisco anche che più cerco di spiegarmi e più complico le cose e più mi allontano da quello che vorrei dirti. Ecco, quello che voglio dire è che questo filato, è più che bello, oltre il bello, è essenzialmente bello.

E infatti, quello che succede quando sei a contatto con le cose belle, succede che diventi più bella anche tu, che cominci a fare pensieri belli, non complicati, ma facili e lineari. E siamo arrivati ai modelli!

Il primo modello è uno splendido esempio di come puoi sentirti una volta indossato una maglia come questa. Bellissima la modella e il fotografo, che riescono a rendere tutto il piacere.

Maglia ai ferri Deleite

Quando usi un filato che punta alla semplicità, finisce che realizzi un modello semplice, ma non banale.

maglia ai ferri

Il motivo Deleite della designer Kari-Helene Rane combina un’esperienza di lavoro a maglia rilassata con un look femminile e moderno che ti dà molta libertà. La sua forma insolita, con maniche ampie e scollate e una parte posteriore leggermente più lunga, ti avvolge comodamente. I polsini lunghi e stretti in diversi colori e le delicate strisce del carré creano emozionanti contrasti con il flusso morbido generale. Il filato Cheeky Merino Joy nei colori Powder , Tea e Cream rende il pezzo lavorato a maglia ancora più morbido e crea un bellissimo drappeggio.

Il disegno a maglia rasata è facile da lavorare, ma utilizza alcune tecniche interessanti. È lavorato a maglia senza cuciture con la tecnica top down. Lo scollo è lavorato con un avvio provvisorio per creare un orlo a doppia costa, quindi lo sprone viene modellato con l’aiuto degli aumenti. I punti delle maniche vengono messi in attesa mentre il corpo viene lavorato a maglia e vengono ripresi in seguito. I ferri accorciati creano una curva delicata sulla scollatura anteriore e sull’orlo inferiore della schiena.

Deleite fa parte della prima collezione 2020 con il tema Joy. È stato ideato da Rosy e realizzato con un team di tutto il mondo in tempi di pandemia globale. I nomi dei modelli sono espressioni gioiose di diverse lingue. Ci ricordano che la gioia, la diversità e la solidarietà oltre i confini possono darci speranza e forza. Deleite significa gioia in portoghese.

Rosy Green Wool

Ma altri ancora sono i modelli realizzati col filato Merino Joy, sempre della stessa collezione che hanno coinvolto altre designers. Se le guardi con attenzione, anche senza mettercene tanta, si capisce che la bellezza dei modelli punta alla essenzialità del filato invece che alla difficoltà dei punti con cui i modelli sono realizzati.

Se osservi, tutta la luce che i modelli prendono, è data dalla luce che ha il filato e dal suo mescolarsi con altri colori, maglia rasata e legaccio, senza pizzi e trafori, i modelli si illuminano dalla texture data dal filato.

Level

Sciarpa Piace

Righe irregolari rendono la sciarpa meravigliosamente morbida Piace della designer Felicia Di Bono così piacevole da lavorare. 
Il versatile design bicolore può essere indossato praticamente con qualsiasi cosa e ha sempre un bell’aspetto, indipendentemente dall’età o dal sesso. 

Elevation

Scialle Coya

Coya è uno scialle semicircolare a punto legaccio lavorato dal centro verso l’esterno. 
È perfetto per chi è alle prime armi con i colori Fair Isle o per chi vuole imparare a lavorare a maglia Fair Isle tenendo ogni capo in una mano diversa. 
Usa semplicemente l’inizio monocromatico dello scialle per sentirti a tuo agio tenendo il filo nella tua mano inesperta! 

Height

Maglia Betagen

Ciò che rende il maglione Betagen della designer Theresa Shingler così divertente da lavorare è il suo motivo Chevron. 
Il classico motivo a zigzag è popolare nel design della moda per creare pezzi di tendenza. 
Il maglione ha una lunghezza comoda, ma può anche essere infilato in pantaloni o gonne a taglio alto grazie al filato leggero. 

Spesso mi capita di non riuscire a dire le cose, più spesso ancora mi succede di complicare le cose che sono semplici, ecco, questo filato e questi modelli mi hanno ricordato che prima di puntare alle cose complicate, dovrei cercare di puntare alla semplicità.

Forse potrei cominciare a seguire il filo dei miei pensieri e togliere tutto quello che di superfluo c’è. Seguendo solo i colori dei miei pensieri:

Un filato di Classe

Il filato per eccellenza di Rosy green wool,
100% Merino Extrafino Superwash certificato GOTS

2 comments

  1. Sandra Lombardo

    La guerra di Piero viene insegnata anche nelle scuole, evidentemente qualcuno la trova interessante.

    1. Altroché! quando sono riuscita a capire tutta la bellezze di quella canzone mi sono commossa. L’avevo sentita per anni, l’avevo cantata, e non l’avevo mai capita. Poi ricordo ancora quando, a Catania, un concerto in piazza bellini, una piccola libreria indipendente chiudeva e per lasciare alla città un ricordo vivo, un concerto chitarra e voce. solo De Andrè. Lì ho capito la bellezza delle sue canzoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.